Centrostudi CISCAM - Centro Italiano per lo Studio della Cultura Africana e Mediterranea!

Eppur si ferma...Come i movimenti sociali contadini hanno fermato um mega-progetto in Mozambico

Eppur si ferma...Come i movimenti sociali contadini hanno fermato um mega-progetto in Mozambico In evidenza

Esistono pochi paesi al mondo, oggi, in cui le possibilità di successo di lotte di movimenti sociali, soprattutto in ambito rurale, sono ridotte come in Mozambico. Parlo di paesi formalmente dmocratici, escludendo pertanto quelli apertamente autoritari, di cui anche in Africa continuano a esservi fulgidi esempi.

Per questo motivo ho sempre pensato che le strenue lotte contro il maggiore programma di “sviluppo agricolo” del paese, il Pro-Savana, fosse un tentativo assai generoso, ma alla fine inutile. Così non è stato. Dopo 9 anni, il governo mozambicano, insieme alla JICA (l’agenzia di cooperazione giapponese) ha ufficialmente annunciato la fine del programma.

Solo per avere un’idea, il Pro-Savana fu lanciato in pompa magna nel 2011 da parte di tre soggetti: il governo del Mozambico, allora guidato dal presidente Guebuza, la JICA, come soggetto finanziatore, e l’ABC (Agenzia Brasiliana di Cooperazione), come soggetto tecnico attuatore. Il programma intendeva mettere a produzione circa di 11 milioni di ettari (la terra arabile, in Mozambico, è calcolata in circa 36 milioni di ettari), nella fascia conosciuta come “Corridoio di Nacala”, una lunga striscia di territorio che attraversa il paese da ovest a est, concentrata nella sua parte settentrionale. Cinque province (l’equivalente delle regioni italiane) coinvolte: Niassa, Tete, Nampula, Cabo Delgado, Zambezia, circa 5 milioni di piccoli produttori toccati, una durata prevista di 30 anni. E il sogno, da parte degli esecutori, di trasformare il Corridoio di Nacala in una monocoltura di esportazione, con rendimenti elevatissimi per i padroni del vapore, e con buona pace delle famiglie contadine ridotte a salariati e in costante deficit alimentare.

Ma ciò che, sin dall’inizio, aveva caratterizzato il programma Pro-Savana è stato il suo inserimento in uno scenario globale, di vendita di terra (o concessione, visto che, in Mozambico, la terra è ufficialmente un bene pubblico) per soddisfare le esigenze di paesi, soprattutto asiatici, con enorme fame di alimenti, soprattutto commodities come riso e soia, in seguito alla cosiddetta crisi alimentare del 2007-2008. Per questo anche gli attori del Pro-Savana sono stati, sin dall’inizio, di caratura internazionale. La JICA, infatti, snaturando la sua proverbiale tradizione di una cooperazione incentrata sull’aiuto umanitario, si è buttata a capifitto nella ricerca di programmi di “sviluppo”, in grado di portare alimenti in Asia a prezzo stracciato, coinvolgendo un paese come il Brasile di Lula e di Dilma, con cui negli anni Settanta vi era stata una esperienza simile, nella regione del Cerrado, in particolare nello Stato del Mato Grosso (programma Prodecer), e con la compiacenza del Mozambico. Un paese, quello mozambicano, niente affatto vittima, come in molti casi la letteratura ama rappresentare, così come è solita fare rispetto a molti altri stati africani, ma consapevole attore che ha concordato passo per passo tutte le fasi del Pro-Savana con Giappone e Brasile, a scapito dei piccoli produttori locali e delle rispettive comunità coinvolte. Inoltre, in anni più recenti, il Brasile, specialmente a partire dal governo-Temer e, oggi, con Bolsonaro, si è distinto per la produzione in massa di soia, da esportare soprattutto verso la Cina, con buona pace della retorica anti-Pechino dell’attuale presidente carioca.

Il Pro-Savana è stato fermato grazie a varie ragioni: uno scenario politico internazionale in parte mutato, ma anche motivi interni, da ricercare in un conflitto sociale esteso e sempre più consapevole che, grazie a organizzazioni come Adecru, Justiça Ambiental, Unione Nazionale dei Contadini, alcune parti della chiesa cattolica locale e parecchie altre associazioni, ha di fatto indotto i protagonisti di questo gigantesco programma a fermare il motore. Un elemento di grande rilievo, che è stato un prodotto involontario del Pro-Savana, è aver contribuito a rafforzare reti internazionali Africa-America Latina-Asia di popoli e organizzazioni della società civile impegnati su questo caldo fronte della difesa della terra. La Via Campesina, per esempio, è diventato un soggetto fondamentale in Mozambico, con continui scambi di informazioni e di formazioni, il delinearsi di strategie comuni, nonché le costanti pressioni verso i rispettivi governi (compreso quello giapponese) per cessare il suddetto programma.

Il “battesimo di fuoco” (almeno per le organizzazioni mozambicane) rappresentato dal Pro-Savana ha quindi sortito effetti insperati, che vanno ben al di là dei confini mozambicani. Il segnale che emerge da questa vicenda è che può esservi un altro modo di pensare e di agire in termini globali, lontano sia dai sovranismi di autarchica memoria che dai processi di selvaggia apertura dei mercati a cui il capitalismo internazionale sta ormai mirando da tempo; e che i protagonisti di questa vittoria sono tutti membri attivi di una società civile sempre più lontana sia dagli Stati che dai partiti, anche quelli della sinistra tradizionale.

Vota questo articolo
(10 Voti)

Seguici sui Network

About Centrostudi CISCAM

Il CISCAM è un'organizzazione di volontariato di utilità sociale, senza fini di lucro, che promuove la conoscenza del continente africano e del bacino del Mediterraneo.

Ultime News

Qualcuno ci guarda. La “scoperta” del Mozambico da…

26-09-2020

Caro Luca,Ti scrivo la presente per sviluppare alcune riflessioni in merito alla grave situazione del nostro paese. Pensavamo che la distanza geografica e la buona fama che ci eravamo guadagnati...

Leggi tutto

Considerazioni sull’identità dell’uomo africano

25-08-2020

Il mondo occidentale ha sempre pensato di poter indagare l'essere e l'uomo attraverso le sue categorie filosofiche legate a un pensiero forte, razionale e scientifico capace di astrazione e superiore...

Leggi tutto

Eppur si ferma...Come i movimenti sociali contadin…

25-07-2020

Esistono pochi paesi al mondo, oggi, in cui le possibilità di successo di lotte di movimenti sociali, soprattutto in ambito rurale, sono ridotte come in Mozambico. Parlo di paesi formalmente...

Leggi tutto

UMA CRISE POLÍTICA SEM FIM: A GUINÉ-BISSAU

27-06-2020

Há mais de duas décadas, concretamente 22 anos, a Guiné-Bissau vive numa situação de crise política e institucional constante, que contribuiu a fazer do país um dos Etados mais pobres...

Leggi tutto

UNA CRISI POLITICA INFINITA: LA GUINEA-BISSAU

27-06-2020

Da più di due decenni, per l´esattezza da 22 anni, la Guinea-Bissau sta vivendo una situazione di crisi politica e istituzionale costante, che ha contributo a fare di questo paese...

Leggi tutto

Ritos de iniciação entre os Amakhuwa do Norte de M…

21-06-2020

Como qualquer outro povo, os amakhuwa do Norte de Moçambique, de tradição matrilinear, procuram dar uma explicação plausível acerca da origem e evolução do universo, dando uma interpretação de tipo...

Leggi tutto

Riti di iniziazione fra gli Amakhuwa del Nord del …

21-06-2020

Come qualsiasi altro popolo, gli amakhuwa del Nord del Mozambico, di tradizione matrilineare, cercano di dare una spiegazione plausibile all’origine ed evoluzione dell’universo, dando una interpretazione di tipo religioso alla...

Leggi tutto

La regressione razzista

09-06-2020

La storia dell´uomo è piena di episodi di razzismo, sin dai suoi primordi. Tuttavia, l´avvento del capitalismo su scala globale ha mondializzato e istituzionalizzato tale fenomeni, a partire dalla lunga...

Leggi tutto

Quel che il Papa ha detto e che in molti non hanno…

15-04-2020

Nella benedizione pasquale urbi et orbi, Papa Francesco ha parlato, fra gli altri scenari di violenza e di guerra nel mondo, di Cabo Delgado, provincia all’estremo Nord del Mozambico, divisa...

Leggi tutto

Il Brasile fra Coronavirus e congiure di palazzo

28-03-2020

    Molti dei governanti dei vari paesi interessati al Coronavirus hanno provato – almeno inizialmente - a sposare la tesi negazionista o minimalista. In prevalenza si è trattto di leaders politici...

Leggi tutto

La "terza ondata" di Coronavirus sarà di…

24-03-2020

Dopo la prima ondata di Coronavirus in Cina, la seconda in Europa e Stati Uniti, l’Oganizzazione Mondiale della Sanità teme che una terza ondata potrà abbattersi sul continente africano, con...

Leggi tutto

La nuova destra e la lotta per l’egemonia

31-01-2020

Il dibattito politico italiano si sta concentrando, in questi ultimi mesi, sul fenomeno-Lega. Fra chi ne è preoccupato, soprattutto da sinistra, e chi ne auspica una ulteriore crescita, da destra...

Leggi tutto

La nuova frontiera della lotta di classe in Africa…

01-12-2018

  Esiste un fenomeno globale che, dal 2007-2008, sta caratterizzando le nuove relazioni fra alcuni paesi centrali o emergenti – essenzialmente asiatici: Giappone, Cina e India - e una buona parte...

Leggi tutto

La questione elettorale: alla base dell’insuccesso…

02-09-2017

Esiste una battuta di spirito, nelle reti sociali di vari paesi africani, che sta circolando in questi ultimi giorni, e che riassume l’essenza dei problemi che molte democrazie africane stanno...

Leggi tutto

Atleti italiani naturalizzati, tornatevene a casa!

26-02-2017

Il 19 e 20 febbraio si sono tenuti i campionati di atletica indoor assoluti. Non sono mai stato un grande appassionato di atletica, sempre ammettendo, però, l’eroica pertinacia di chi...

Leggi tutto

La Guinea-Bissau: la riserva di Cufada, la minacci…

31-01-2017

La Guinea-Bissau è un piccolo paese sulla costa atlantica dell’Africa, confinante con Senegal e Guinea-Conakry, con poco più di 1,5 milioni di abitanti. È un paese estremamente povero (fra i...

Leggi tutto

Valentina e le altre

18-12-2016

Quattro colpi di arma da fuoco, la disperata rincorsa in ospedale, la constatazione del decesso. Valentina da Luz Guebuza era la figlia dell’ex-Presidente del Mozambico, Armando Emílio Guebuza. La rivista...

Leggi tutto

I possibili scenari dell’Amministrazione Trump per…

13-11-2016

Diversi giornali americani ma anche europei, contrari e stupiti del successo di Trump alla Casa Bianca, hanno cominciato a riportare affermazioni per così dire folcloristiche del magnate neo-presidente su Africa...

Leggi tutto

La nuova, strana guerra del Mozambico

04-11-2016

Luca Bussotti La nuova, strana guerra del Mozambico Da un paio d'anni il Mozambico è in guerra. Un paese che nel 1992 aveva raggiunto una difficile pace a Roma, grazie alla mediazione...

Leggi tutto

Seguici su Facebook