Centrostudi CISCAM - Centro Italiano per lo Studio della Cultura Africana e Mediterranea!

Qualcuno ci guarda. La “scoperta” del Mozambico da parte dell’Unione Europea e altri inciampi  Lettera immaginaria ricevuta da un  mozambicano Makonde sulla recente situazione del paese.

Qualcuno ci guarda. La “scoperta” del Mozambico da parte dell’Unione Europea e altri inciampi Lettera immaginaria ricevuta da un mozambicano Makonde sulla recente situazione del paese. In evidenza

Caro Luca,
Ti scrivo la presente per sviluppare alcune riflessioni in merito alla grave situazione del nostro paese. Pensavamo che la distanza geografica e la buona fama che ci eravamo guadagnati con vent’anni di apparente pace fossero sufficienti per continuare a essere ignorati da parte dei grandi organismi internazionali, ai quali, in questo lungo periodo, abbiamo fatto tirar fuori fior di quattrini dei loro contribuenti. Invece, purtroppo, l’ingordigia prima dei nostri massimi dirigenti, che hanno montato uno schema per mangiarsi piu di 2 miliardi di dollari garantiti dal debito pubblico nazionale per fantomatiche imprese di difesa della costa e pesca del tonno (!!!), puntualmente scoperto, nel 2016, dal Fondo Monetario Internazionale, poi una inaspettata ribellione nel nord del paese, in quella provincia di Cabo Delgado dove noi Makonde, la crema degli antichi combattenti, aveva il controllo totale di tutto il territorio e dove il nostro partito prendeva oltre il 90% in ogni elezione, ci hanno messo con le spalle al muro. Pensa, l’Unione Europea ha recentemente approvato una risoluzione sul Mozambico, chiedendo il rispetto dei diritti umani sul fronte di guerra a Cabo Delgado, e mettendosi a disposizione per eventuali aiuti per combattere, sia militarmente che con progetti sociali, il terrorismo che da ottobre 2017 – e non 2019, come erroneamente scritto nella Risoluzione – sta dilaniando la nostra amata provincia. Nella Risoluzione parlano anche di corruzione, e dei brogli elettorali che abbiamo fatto per vincere le ultime elezioni, infrangendo un vecchio accordo implicito, che ci lasciava mano libera nella gestione delle elezioni, in cambio di nostre concessioni in materia di democrazia, diritti umani e investimenti di loro imprese. Noi abbiamo rispettato gli accordi, guarda tu cosa sta succedendo col gas nella nostra provincia: Eni, Total, Galp, oltre a Exxon sono i maggiori investitori, solo che adesso, con questa storia del terrorismo, il rischio é che vada tutto a puttane e che si possano perdere anche le prossime elezioni. Per fortuna che la Renamo é messa peggio di noi, dopo che Dhlakama é morto!
Devo dirti, pero’, che tutta questa storia di Cabo Delgado non mi sta piacendo per niente. E noi Makonde dobbiamo assumerci le nostre responsabilita’. I nostri capi, come sai, si sono arricchiti con oro, rubini e altri traffici piu’ o meno leciti, fra cui legname e droga, e ora in molti dicono, pubblicamente, che anche l’attuale business della guerra che ha ucciso già quasi 2000 persone e devastato meta’ della nostra provincia sia nelle mani di nostri compagni di partito, tutti Makonde.
Il tutto di fronte a una situazione endemica di poverta’, in cui l’Islam meno ricco, quello piu’ lontano dai grandi musulmani di Maputo che hanno da sempre appoggiato la Frelimo, ingrassando insieme a questa, si é radicalizzato, grazie ad aiuti stranieri che noi non abbiamo saputo e voluto controllare.
Quando paesi come Egitto, Arabia, Sudan davano borse di studio ai giovani musulmani di Cabo Delgado, tutti di etnia Kimwane o alcuni Makhuwa, nessuno Makonde, noi eravamo soddisfatti e mai abbiamo questionato su che cosa andassero a imparare. Quando, poi, dalla Tanzania e dai Grandi Laghi alcuni loro leaders sono scesi in Mozambico per continuare a indottrinare le nostre popolazioni, esercitandole anche dal punto di vista militare, abbiamo ancora chiuso gli occhi. Li abbiamo lasciati passare senza documenti dal confine con la Tanzania, perche’ questa assenza di controllo faceva comodo a molti di noi che avevano business con quel paese, e qualsiasi controllo serio alla frontiera ci sarebbe stato nocivo.
Cosi siamo andati avanti con piccole e grandi corruzioni, lasciando il nostro popolo alla fame, senza scuole, ospedali ne’ prospettive economiche effettive.
Per piu’ di due anni la guerra di Cabo Delgado é stata derubricata a un conflitto locale senza importanza. E noi abbiamo continuato a specularci su, senza preoccuparci del fatto che la situazione avrebbe potuto sfuggurci di mano. Oggi, una significativa parte della popolazione sostiene i ribelli, ormai in stretto collegamento con lo Stato Islamico, che già controlla buona parte del Distretto di Mocimboa da Praia.
E da qualche mese il Mozambico é entrato nell’occhio del ciclone a livello internazionale. Insomma, non possiamo più nasconderci. Prima il Papa, con la sua visita, poi com la benedizione pasquale in cui invitava a pregare per Cabo Delgado, ma soprattutto episodi atroci che la nostra propaganda governativa sta cercando di silenziare, ma senza successo, hanno ormai fatto scoprire gli altarini, come si dice dalle tue parti.
Quando l’altro giorno ti ho inviato quel video, pensavo che restasse ristretto a poche persone. Invece adesso sta in tutte le reti sociali, e anche la Risoluzione dell’Unione Europea lo ha citato. Dobbiamo chiederci tutti che cosa abbiamo sbagliato, se nostri militari imitano scene degne di Schindler’s List, prima frustando, poi mitragliando a bruciapelo una povera donna completamente nuda, che magari prima era stata anche violentata.
Non ci ho dormito per tre notti, Amnesty International ci ha scritto subito un report, e ora tutti ci stanno addosso, com questa questione dei diritti umani.
Mio caro, scusami per la lunghezza di questa mia lettera, ma fra corruzione, signori della guerra, incapacita’ politica dei nostri governanti ho l’impressione che non ne usciamo da questa confusione.
Adesso che cosa rispondiamo all’ Unione Europea? Se hai qualche idea brillante, per favore informami.
Saluti da Cabo Delgado.

Vota questo articolo
(3 Voti)

Seguici sui Network

About Centrostudi CISCAM

Il CISCAM è un'organizzazione di volontariato di utilità sociale, senza fini di lucro, che promuove la conoscenza del continente africano e del bacino del Mediterraneo.

Ultime News

Qualcuno ci guarda. La “scoperta” del Mozambico da…

26-09-2020

Caro Luca,Ti scrivo la presente per sviluppare alcune riflessioni in merito alla grave situazione del nostro paese. Pensavamo che la distanza geografica e la buona fama che ci eravamo guadagnati...

Leggi tutto

Considerazioni sull’identità dell’uomo africano

25-08-2020

Il mondo occidentale ha sempre pensato di poter indagare l'essere e l'uomo attraverso le sue categorie filosofiche legate a un pensiero forte, razionale e scientifico capace di astrazione e superiore...

Leggi tutto

Eppur si ferma...Come i movimenti sociali contadin…

25-07-2020

Esistono pochi paesi al mondo, oggi, in cui le possibilità di successo di lotte di movimenti sociali, soprattutto in ambito rurale, sono ridotte come in Mozambico. Parlo di paesi formalmente...

Leggi tutto

UMA CRISE POLÍTICA SEM FIM: A GUINÉ-BISSAU

27-06-2020

Há mais de duas décadas, concretamente 22 anos, a Guiné-Bissau vive numa situação de crise política e institucional constante, que contribuiu a fazer do país um dos Etados mais pobres...

Leggi tutto

UNA CRISI POLITICA INFINITA: LA GUINEA-BISSAU

27-06-2020

Da più di due decenni, per l´esattezza da 22 anni, la Guinea-Bissau sta vivendo una situazione di crisi politica e istituzionale costante, che ha contributo a fare di questo paese...

Leggi tutto

Ritos de iniciação entre os Amakhuwa do Norte de M…

21-06-2020

Como qualquer outro povo, os amakhuwa do Norte de Moçambique, de tradição matrilinear, procuram dar uma explicação plausível acerca da origem e evolução do universo, dando uma interpretação de tipo...

Leggi tutto

Riti di iniziazione fra gli Amakhuwa del Nord del …

21-06-2020

Come qualsiasi altro popolo, gli amakhuwa del Nord del Mozambico, di tradizione matrilineare, cercano di dare una spiegazione plausibile all’origine ed evoluzione dell’universo, dando una interpretazione di tipo religioso alla...

Leggi tutto

La regressione razzista

09-06-2020

La storia dell´uomo è piena di episodi di razzismo, sin dai suoi primordi. Tuttavia, l´avvento del capitalismo su scala globale ha mondializzato e istituzionalizzato tale fenomeni, a partire dalla lunga...

Leggi tutto

Quel che il Papa ha detto e che in molti non hanno…

15-04-2020

Nella benedizione pasquale urbi et orbi, Papa Francesco ha parlato, fra gli altri scenari di violenza e di guerra nel mondo, di Cabo Delgado, provincia all’estremo Nord del Mozambico, divisa...

Leggi tutto

Il Brasile fra Coronavirus e congiure di palazzo

28-03-2020

    Molti dei governanti dei vari paesi interessati al Coronavirus hanno provato – almeno inizialmente - a sposare la tesi negazionista o minimalista. In prevalenza si è trattto di leaders politici...

Leggi tutto

La "terza ondata" di Coronavirus sarà di…

24-03-2020

Dopo la prima ondata di Coronavirus in Cina, la seconda in Europa e Stati Uniti, l’Oganizzazione Mondiale della Sanità teme che una terza ondata potrà abbattersi sul continente africano, con...

Leggi tutto

La nuova destra e la lotta per l’egemonia

31-01-2020

Il dibattito politico italiano si sta concentrando, in questi ultimi mesi, sul fenomeno-Lega. Fra chi ne è preoccupato, soprattutto da sinistra, e chi ne auspica una ulteriore crescita, da destra...

Leggi tutto

La nuova frontiera della lotta di classe in Africa…

01-12-2018

  Esiste un fenomeno globale che, dal 2007-2008, sta caratterizzando le nuove relazioni fra alcuni paesi centrali o emergenti – essenzialmente asiatici: Giappone, Cina e India - e una buona parte...

Leggi tutto

La questione elettorale: alla base dell’insuccesso…

02-09-2017

Esiste una battuta di spirito, nelle reti sociali di vari paesi africani, che sta circolando in questi ultimi giorni, e che riassume l’essenza dei problemi che molte democrazie africane stanno...

Leggi tutto

Atleti italiani naturalizzati, tornatevene a casa!

26-02-2017

Il 19 e 20 febbraio si sono tenuti i campionati di atletica indoor assoluti. Non sono mai stato un grande appassionato di atletica, sempre ammettendo, però, l’eroica pertinacia di chi...

Leggi tutto

La Guinea-Bissau: la riserva di Cufada, la minacci…

31-01-2017

La Guinea-Bissau è un piccolo paese sulla costa atlantica dell’Africa, confinante con Senegal e Guinea-Conakry, con poco più di 1,5 milioni di abitanti. È un paese estremamente povero (fra i...

Leggi tutto

Valentina e le altre

18-12-2016

Quattro colpi di arma da fuoco, la disperata rincorsa in ospedale, la constatazione del decesso. Valentina da Luz Guebuza era la figlia dell’ex-Presidente del Mozambico, Armando Emílio Guebuza. La rivista...

Leggi tutto

I possibili scenari dell’Amministrazione Trump per…

13-11-2016

Diversi giornali americani ma anche europei, contrari e stupiti del successo di Trump alla Casa Bianca, hanno cominciato a riportare affermazioni per così dire folcloristiche del magnate neo-presidente su Africa...

Leggi tutto

La nuova, strana guerra del Mozambico

04-11-2016

Luca Bussotti La nuova, strana guerra del Mozambico Da un paio d'anni il Mozambico è in guerra. Un paese che nel 1992 aveva raggiunto una difficile pace a Roma, grazie alla mediazione...

Leggi tutto

Seguici su Facebook